Blog: http://marla.ilcannocchiale.it

...Allora aprii gli occhi!

Il sole nel deserto è bruciante e sta a cavalcioni del cielo, così vicino alla tua testa che, a volte, ti sembra che alzandoti sulla punta dei piedi potresti toccarlo, scottandoti le dita. E quando fa così caldo bisogna evitare accuratamente le rocce, perché sotto di esse, all’ombra, stanno i serpenti a sonagli, che dormono pigramente avvolti in spire, mentre il sole cerca invano di riscaldare il loro gelido sangue. I serpenti si infuriano facilmente e sono sempre pronti ad attaccare col loro veleno, se per caso vengono disturbati. La gente si comporta pressappoco nello stesso modo. Ciascuno di noi ha la sua roccia privata, sotto la quale si cela e dalla quale ti maledice se per caso ti capita di passargli accanto. Perché siamo come serpenti nel deserto e allontaniamo ciecamente chiunque ci si avvicini.

…le sue parole erano solo il mio veleno che lui ritorceva contro se stesso. Perché, senza saperlo, era passato accanto alla mia roccia segreta. Stavo là nell’insolito calore e splendore del sole, vergognandomi di quel gelo interiore che mi allontanava dagli altri esseri della terra. E senza protestare, permettevo che si servisse del mio veleno per distruggersi. Quando poi l’amara pozione ebbe sortito il suo effetto, me ne andai, lasciandolo solo con la sua piccola anima impaurita… fuggii nel sole caldo per tornarmene al sicuro sotto la mia roccia segreta. Ma ormai l’ombra di quella roccia non mi confortava più, perché la luce vi si insinuava, così come non mi confortava più il freddo, distaccato fluire del mio sangue. E la roccia sembrava rimpicciolirsi, mentre la luce del sole dilagava sempre più. Cercavo di farmi piccola piccola per trovare riparo sotto la superficie  accidentata della roccia. Ma non avevo scampo. Ben presto non vi sarebbe più stata per me una roccia segreta. Il sole diventava sempre più luminoso. Sempre più luminoso…

…allora aprii gli occhi.

A tutti gli amici che mi sono entrati nel cuore e che ho perso lungo la strada

....by Harold Robbins da un romanzo di cui non conosco il titolo


grazie a chi passando di qui mi ha fatto il tifo per me!!!

Pubblicato il 15/3/2008 alle 15.31 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web